Ricetta: Le polpette al sugo della nonna

19:04

Difficoltà: facile! 
Piccola premessa, tutto quello che preparava la mia nonna emanava un profumo impossibile da raccontare, era delizia allo stato puro, qui si parla del profumo dell’infanzia, della famiglia, il profumo di cibi semplici e succulenti… Detto questo adesso posso raccontarvi le mie polpette della nonna, sono di una semplicità disarmante ma ragazzi il gusto è così avvolgente che vi catturerà cuore e palato!
 
NB: come noterete non ho specificato la quantità di pane necessaria perché dipende dalla consistenza dell’impasto, deve risultare ben sodo ma tenero adatto a formare delle polpette il più possibile morbide.

500gr di vitello macinato
2 uova
Mollica di pane sbriciolata
Prezzemolo
½ spicchio d’aglio
100gr di Parmigiano grattugiato
400gr di salsa “Rustica” Cirio
¼ di peperone rosso
Sale e pepe
Olio extra vergine d’oliva


Il sugo: in una padella ampia mettere la salsa di pomodoro, circa 4 cucchiai di olio EVO ed il peperone lavato e tagliato a falde, regolare di sale e portare sul fuoco. La fiamma deve essere bassissima e la padella va coperta con un coperchio.

Le polpette: in una ciotola capiente rovesciare la carne macinata, aggiungere le 2 uova intere leggermente sbattute, un ciuffetto di prezzemolo tritato, l’aglio tritato, il Parmigiano, un pizzico di sale ed una macinata di pepe, mescolare con un cucchiaio di legno. A parte sbriciolare la mollica del pane, meglio se raffermo, e man mano aggiungere una manciata alla volta di pane all’impasto sempre mescolando. Quando la consistenza dell’impasto sarà soda ma morbida formare delle polpette non troppo grosse e immergerle direttamente nella salsa che nel frattempo è sul fuoco. Togliere il coperchio e lasciar cuocere almeno per mezz'ora sempre a fiamma bassa girando di tanto in tanto le polpette. Se durante la cottura la salsa si addensa troppo aggiungere un goccio d’acqua.

Un consiglio in più: per i più golosi è possibile fare una piccola variazione alla ricetta originale, prima di immergere le polpette nel sugo potete friggerle in abbondante olio EVO bollente, di certo le calorie aumenteranno ma il sapore ci guadagnerà e poi non potete immaginare come era bello rubare una polpetta fritta fumante mentre la nonna le preparava!

You Might Also Like

2 commenti

  1. gnam gnam.. che buone! ma che strano .. nella ricetta c'è anche il PEPERONE!!!!!!!! Cinzia

    RispondiElimina
  2. Ciao cara Cinzia,
    il peperone non è indispensabile ma le mie origini abruzzesi mi impongono di metterlo in tantissimi piatti! E' una questione di DNA!! ;)

    RispondiElimina